Babbo Natale va in vacanza

4
Dic
2016

babbo-natale-va-in-vacanza_copertinaSeguito o prologo di Babbo Natale, racconto per immagini dello stesso autore, incentrato sulla notte della vigilia, Babbo Natale va in vacanza è un dei pochi libri con protagonisti il barbuto Santa Claus che può essere letto e riletto tutto l’anno e non solo nei giorni che precedono la festa!

La storia è prevedibile e allo stesso tempo bizzarra: Babbo Natale, dopo le fatiche invernali, decide di concedersi una lunga vacanza. Amante della buona tavola e della vita all’aria aperta, trasforma la slitta in una roulotte e decide di dirigersi verso la Francia, terra di sole e prelibatezze culinarie.

Nonostante alcuni goffi tentativi di apparire più francese che mai, grazie ad un corso di lingua e ad un basco sfoggiato con disinvoltura, Babbo Natale dimostra presto di mal sapersi adattare alle usanze continentali  e di faticare a spogliarsi delle proprie abitudini, che più che “lapponi” sono tipicamente britanniche, come il suo autore.

Il colpo di grazia alla prima tappa della vacanza lo dà la cucina francese: succulenta ma troppo pesante. Al sopraggiungere di un sonoro mal di pancia (e dei primi sospetti sulla sua vera identità), Babbo Natale risalta a bordo della sua slitta e vola via!

Il problema però è sempre lo stesso: quando si è un personaggio di fama mondiale, è difficile passare inosservati, anche se ci si mimetizza con gli abitanti del posto, assumendone riti e apparenza. E poi, in fondo in fondo, come tutti gli abitudinari, questo Babbo Natale è un grand brontolone: della Francia non gli sta bene la cucina, della Scozia il clima… cosa non gli andrà a genio dell’America? Per tentare di salvare le vacanze, Babbo Natale se ne vola niente meno che a Las Vegas!